Spread the love

“Solo uniti si può provare a vincere…”
Provare, già, provare …

“L’alternativa esiste…”
Esiste, già, esiste…
Ma che favole ha letto Elly Schlein?

Guardiamo i crudi numeri dell’Abruzzo: ultima Regione in cui si è votato.

Il centrosinistra, allora diviso tra PD (Legnini, 31,28%) e M5S (Marcozzi, 20,20%), totalizzò -appena 4 anni fa- il 51,48% dei voti.
La maggioranza assoluta.

Il Presidente Marsilio riuscí a conseguire, allora, “solo” il 48,3% di fiducia dagli abruzzesi.

Divenne Presidente, si rimboccò le lunghe maniche e si diede da fare: doveva ancora recuperare tanta fiducia.

L’affluenza allora toccò il 53,11%.
Un elettorato che in maggioranza era spostato …”a sinistra”. Giusto?

Oggi invece da Presidente uscente raccoglie il 53,5% della fiducia. Mentre i partiti della sua coalizione totalizzano il 54,7%.

Poniamoci ora tre papali domande.

Ha perso Marsilio?
Ha perso la maggioranza di governo?
O c’è stato l’ennesimo flop della sinistra, questa vota unita?

Perché da qualsiasi parte li guardi, i dati rispondono chiarissimi al …trilemma.

Il Presidente Marsilio ha ben il 5,2% di consensi in più di un lustro fa.
Perso, vinto? Fate voi …

Anche la coalizione di governo ha un 54,7% di consensi che la incoraggiano ad andare avanti. O no?

La sinistra, unita sotto i rossi vessilli (PD+M5S+Altri), dal 50,4% del 2019 scende al 45,3%; un palese -5,1% che -guarda caso-
corrispondono ai voti in più che ha raccolto il riconfermato Presidente Marsilio.

Queste sono le cose che non vi dicono.

 

195

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *