Spread the love

Nella stessa pagina di apertura di un Quotidiano mercoledì u.s. si poteva leggere da una parte “GUALTIERI IL MOMENTO È ADESSO” (commentando la bocciatura di Roma quale sede di EXPO2030) e, dall’altra, “ALBERO CADE SULLE CASE DEL GIANICOLO” (schiacciata una Smart).

La “17enne VIOLENTATA” è fuori tema.

Abbiamo poco di ché cianciare sul fatto che hanno vinto i petrodollari -ché saranno pure volati per ogni dove- ma in realtà ha perso la città di Roma: che non ha raccolto neppure tutti i voti europei.

Perché?

 

Azzardiamo una ipotesi: l’Urbe ha offerto una pessima immagine di sé stessa.

 

L’incuria civica; le strade ricolme di rifiuti maleodoranti; i cinghiali che pascolano per le zone abitate; il sistema dei trasporti che va in tilt un giorno sì e l’altro pure, con i bus che si incendiano; gli scioperi che si susseguono senza soluzione di continuità; gli alberi che cadono come birilli a ogni stormir di vento; le liti aperte sul fatto che gli afflussi delle genti siano da incoraggiare oppure no; una rappresentanza estetica raffazzonata sú alla bene e meglio…e poi potremmo proseguire.

 

È matematico che si sia arrivati terzi su tre concorrenti, neanche secondi.

 

In più con una consistente parte politica (il pupillo di Elly, il M5S) che ancora non perde l’occasione per parlar male dei Grandi Eventi, figli del bieco capitalismo.

 

Per fortuna che c’è il Papa.

Per fortuna che Roma è la Capitale della cristianità.

Il Giubileo, almeno, non ce lo toglierà più nessuno.

Speriamo che i cinque ragazzotti pentastellati non abbiano più niente da obiettare neanche a questa fortuna.

 

Ah già, c’è la sinistra che governa Roma.

Gualtieri metterà il bavaglio .

..ai cocchi di Elly?

238

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *