Spread the love

In 14 mesi i tassi BCE sono stati alzati per ben quindici volte, arrivando al 4,5%.

 

Un tasso,per la verità, già conosciuto: 15 anni fa era al 4,25% e nessuno fiatava…

 

Già perché la istituzione festeggiava allora il suo decimo compleanno con il tasso di inflazione appena superiore al 2% (dati Bankitalia: Rapporto annuale BCE, 2008).

 

Allora Presidente era il francese Jean Claude Trichet.

 

Christine Lagarde oggi però un segno in più ce lo sta pure dando: annunciando che sia pur in presenza di una crescita del carovita del 5,6% e in vista di un tasso del 3,2% nel 2024, proseguirà negli acquisti dei BTP e degli altri Titoli di Stato a copertura del debito pubblico fino alla scadenza del prossimo anno.

 

A Santiago de Compostela, intanto, non è avvenuto alcun miracolo.

 

Fermi sul no italiano al MES.

 

Al punto tale che si sta sempre di più facendo largo in Europa l’idea di procedere anche senza l’Italia.

 

Il nostro governo chiede a gran voce che gli investimenti decisi non siano conteggiati tra gli aumenti nei deficit del Patto di Stabilità.

 

Quali sono gli obiettivi che si pone la BCE?

Si troverà un compromesso sul Patto di Stabilità?

 

In riferimento alla prima domanda sembra ormai certo che la Banca stia facendo di tutto per rallentare il letale ping-pong tra domanda e offerta che sta determinando inflazione: che corre sì tanto, ma non più al gran galoppo dell’anno scorso (eravamo al 10,6%). Effetto Covid? Egoistica paura di un esaurimento delle scorte? Mah

 

Con una inflazione che corre ogni iniziativa è la benvenuta, ma bisogna pur saper riconoscere che la Presidente della BCE quel fenomeno lo ha dimezzato con ferma determinazione.

 

A questo punto, però, un forte braccio alla Presidente la deve dare la politica.

 

Come?

 

Ad esempio rafforzando la competizione in mercati tuttora monopolizzati, ché mettono i prezzi che vogliono sui prodotti e servizi.

Ciò vale soprattutto in Italia.

 

Un Paese -il nostro- che non è mai stato particolarmente vocato verso scelte liberali di introduzione di vera concorrenza.

 

Guardiamo due cose minute, ad esempio: come i taxi o gli stabilimenti balneari.

O no?

266

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *