NON CI HANNO VISTI ARRIVARE Gli spergiuri (2)

0
Spread the love

A guardare più approfonditamente le dichiarazioni, prima che i fatti, non pare esservi dubbio alcuno sul fatto che il PD in formato Schlein focalizzerà il nucleo della propria essenza politica nella contesa degli spazi di sinistra al M5S.

 

Invece di mirare sulle più vaste praterie del centro laico, socialdemocratico, repubblicano e pure cattolico che già avevano i riferimenti nel PSI, PSDI, PRI e pure nella DC.

Spazi su cui Matteo Renzi aveva puntato tutto e pure condotto una campagna elettorale vittoriosa l’ultima volta.

 

Sono due aree ben marcate queste due e pure difficilmente componibili: come poi esse riescano a convivere dentro lo stesso partito fa parte degli enigmi politici italiani.

 

Infatti, per intanto, Renzi e Calenda hanno da tempo riempito le valigie mettendole prima sull’uscio e poi salendo sul treno liberale di Renew Europe.

 

Anche perché due domande sarà d’obbligo porsi prima di entrare nella cabina e votare.

 

La prima: il PD formato Schlein seguirà la linea del M5S sulla guerra in Ucraina?

 

E la seconda, rivolta in particolare a Giorgia Meloni: che fine hanno fatto e faranno le dichiarazioni belluine sul MES?

È questo un tema che ormai viene del tutto oscurato, dimenticato e colpevolmente omesso, nelle dichiarazioni ufficiali di questo governo, ma su cui -lo ricordiamo bene tutti- la prima donna premier ci aveva messo la propria faccia e ne aveva fatto il suo più grande punto d’onore.

 

Ah, quant’è difficile rimangiarsi la parola in politica.

Meglio nascondere tutto lo sporco sotto il tappeto.

307

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *