PIÙ EUROPA: W MACRON

Spread the love

Sappiamo quali sono i più grandi nemici d’Europa in campo amministrativo civile?

Sono gli Stati nazionali e la loro gelosa pretesa di tenersi avocate delle competenze ché poi finiscono per tradursi nella mortificazione di ogni intrapresa economica.

Qui in Italia una pratica civile o urbanistica, ad esempio, bordeggia per mille uffici, persone, bolli e passaggi istituzionali, non sempre del tutto…”cristallini”.

Ora l’Europa si è messa di buzzo buono per “liberarci” da carte, pareri, comitati e sottocomitati, dirigenti e impiegati ciascuno col proprio bel timbrino a secco.

Essa ha pure avuto appuntate sul petto medaglie di non poco rilievo: a cominciare dall’Euro; poi gli acquisti di titoli di debito ad opera della BCE; il Recovery Fund e il PNRR, tanto per portare alcuni esempi pratici.

Non perdendo una sola occasione per stimolare la nostra elefantiaca e ferrea Burocrazia.

Siamo ora giunti al 50% del lavoro di rilancio e forse non ce ne rendiamo conto.

 

Domani si voterà in Francia: senz’altro la nazione portante per l’Europa unita.

 

Perché la “grandeur” francese è nei fatti: se casca la Francia in mani sovraniste si danneggia forse irreparabilmente tutto il disegno europeo a metà dell’opera.

 

Perché dopo la Russia è quella dei transalpini la più estesa nazione continentale, con stretti agganci con l’Africa: una miniera di energie elettriche alternative.

L’universalismo è l’arma in più che la Francia porta in dote dietro di sé e che consente di vivere con meno stress -in quel territorio- una brutta congiuntura economica sfavorevole.

Le più serie minacce che la nazione transalpina ha di fonte a sé sono note: anch’essa vive la crisi congiunturale; ha una parabola discendente di natalità e soffre ancora di una qualche subalternità agli interessi stranieri.

 

Macron non ha risposto alle grandi attese che c’erano su di lui, é vero, non ha neppure innestato quella… quarta marcia che ci si aspettava dal “Kennedy francese”, ma non ha affatto demeritato

Anche perché, dall’altra parte, la sfidante è la sovranista di destra che porterebbe, forse, alla intera dissoluzione del modello europeo.

Con la minaccia sovietica alle porte. Evviva Macron!

 

226

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: